Come funziona e Cosa è il sisma bonus

Il sisma bonus 2017 è uno sgravio fiscale finalizzato ad interventi, certificati, di miglioramento e/o adeguamento sismico degli immobili.

Possono usufruire delle detrazioni: le abitazioni  (prima e seconda casa), gli immobili ad uso commerciale ed attività produttive, e le parti comuni dei condomini.

 

Nella detrazione rientrano quegli immobili situati nelle zone sismiche 1, 2 e 3. In sostanza, la maggior parte del territorio italiano è interessato da questo bonus.

 

Per le spese sostenute dal 1º gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per interventi di prevenzione antisismica, le cui procedure di autorizzazione sono state attivate a dopo il 1° gennaio 2017, spetta una detrazione del 50%. 

La detrazione va calcolata su un ammontare complessivo di € 96.000,00  per unità immobiliare per ciascun anno e deve essere ripartita in cinque quote annuali di pari importo, nell’anno in cui sono state sostenute le spese e in quelli successivi.

Qualora gli interventi realizzati in ciascun anno consistano nella mera prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti, ai fini del calcolo del limite massimo delle spese ammesse a fruire della detrazione si deve tener conto anche delle spese sostenute negli stessi anni per le quali si è già fruito della detrazione.

 

La detrazione aumenta nei seguenti casi:

  1. Quando la realizzazione degli interventi di consolidamento producono una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore, la detrazione spetta nella misura del 70% della spesa sostenuta;
  2. Se dall’intervento deriva il passaggio a due classi di rischio inferiori, la detrazione spetta nella misura dell’80%.

 

La detrazione aumenta ulteriormente nel caso degli interventi condominiali 

Quando gli interventi sono stati realizzati su edifici condominiali, le detrazioni dall’imposta sono ancora più elevate. In particolare, spettano nelle seguenti misure:

  1. 75%, nel caso di passaggio a una classe di rischio inferiore;
  2. 85%, quando si passa a due classi di rischio inferiori,

 

Le detrazioni si applicano su un ammontare delle spese non superiore a € 96.000,00 (comprensive di spese per lavori e spese tecniche) moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio.

 

SCARICA L’ELENCO COMPLETO DEL RISCHIO SISMICO DEI COMUNI ITALIANI IN FORMATO EXCEL

Classificazione Comuni 2015

 

Per ulteriori informazioni consulta il sito del Ministero: clicca qui